Home Tavola RotondaEsoterismo La Legge Di Risonanza: Il Simile Attrae Il Simile

La Legge Di Risonanza: Il Simile Attrae Il Simile

Tragicomico
16992 lettori

legge-di-risonanza-attrazione-pensieriLa Legge di Risonanza è certamente una delle Leggi Universali più interessanti, e come tutte le leggi, resta immutabile, imparziale, agisce sempre, indipendentemente dal fatto che glie sseri umani ne siano consapevoli o meno.
Per capire come funziona questa legge, dobbiamo prima sapere che il nostro corpo non è altro che energia, questa stessa energia viene trasmessa con una certa frequenza vibratoria, pertanto bisogna accettare il fatto che tutti noi emaniamo frequenze vibratorie in continuazione! Del resto tutto l’Universo e lo stesso nostro pianeta Terra, sono costituiti da vibrazioni energetiche.

Come ho già detto, noi tutti (nessuno escluso) emaniamo delle vibrazioni nello spazio che ci circonda, anche attraverso i pensieri, le emozioni, gli stati d’animo. Tutto emette di continuo una vibrazione. Ed è a questo punto che entra in gioco la Legge di Risonanza, in quanto ogni vibrazione non fa altro che attrarre verso di noi situazioni e persone che hanno la stessa frequenza vibratoria. Il concetto, per semplificarlo, lo si può paragonare ad una radio impostata a ricevere in frequenza FM, la stessa non riceverà del segnale in AM, proprio per la legge di risonanza.

Questa legge fa sì che nella nostra vita (anche in questo momento) ci circondiamo di ciò di cui abbiamo bisogno per evolverci nel nostro cammino evolutivo. Se il nostro mondo esteriore fa schifo, è perché molto probabilmente risuoniamo da schifo. Quindi non deve sembrare paradossale pensare che abbiamo richiamato noi un partner che non amiamo e/o un lavoro che non ci piace; perché la legge di risonanza non sbaglia mai. Noi attiriamo inconsciamente ciò che è utile per ampliare la nostra coscienza, e nella misura in cui noi ci evolviamo interiormente, cambiano anche le persone e le situazioni che attiriamo a noi dall’esterno.

Le persone che sono un lamento continuo, con una mentalità pessimista e negativa, secondo voi, con cosa possono risuonare se non con eventi e persone simili?? Un partner tremendamente geloso nel rapporto di coppia, attrarrà verso di sé un partner che metterà a dura prova questa sua gelosia. Allo stesso modo, una persona attaccata al denaro, riscontrerà nella vita delle situazioni che metteranno in risalto questo sua morbosità verso le cose materiali.
In pratica risuoniamo, ovvero attraiamo, persone e situazioni che inevitabilmente fanno emergere aspetti di noi che NON vorremmo sapere, in quanto ci causano irritazione, disagio e frustrazione. Come dico sempre, l’esistenza ci vuole bene, e attraverso questa sua Legge di Risonanza ci permette di attirare le giuste disgrazie per farci comprendere le lezioni della vita affinché finalmente impariamo ad Amare noi stessi, e gli altri, per come realmente siamo.

einstein-energia-attrazione-aforismaIl problema delle persone sta nel fatto che attraggono situazioni, circostanze e persone in modo INCONSCIO invece di farlo CONSAPEVOLMENTE! Ho già spiegato più volte in questo blog di come in realtà la gente stia dormendo, ovvero non sta vivendo la propria vita, ma sta soltanto subendo tutto ciò che gli accade (trovate QUI un mio articolo al riguardo!). Ogni pensiero vibra, ogni pensiero emana un segnale e ogni pensiero ne attira uno di risposta che gli corrisponde. Per uscire da questa prigione, e far in modo di sfruttare questa Legge Universale a nostro favore, in maniera consapevole, dobbiamo acquisire una sicurezza interiore che non ci renda succubi delle situazioni circostanti.

Vi faccio un esempio: anziché focalizzarci su un problema (e quindi attrarre altri problemi), immaginiamo e progettiamo la soluzione, in questo modo risuoniamo con occasioni e situazioni vantaggiose, che non aspettano altro di essere sfruttate. Le emozioni costituiscono un fantastico sistema di guida, e se le ascolterete, potrete arrivare a tutto ciò che desiderate.

Non stai leggendo questo articolo per caso, in quanto semplicemente non esiste la casualità. Altrimenti dovremmo supporre che tutta l’Esistenza, così perfetta, sia puramente un caso. Se stai leggendo è perché la tua coscienza ti sta portando a leggere queste mie parole, affinché io possa incuriosirti (non sono un maestro o un guru, sono solo un ricercatore di verità che vuole incuriosire e trasmettere “informazioni” alle persone) e portarti ad una maggiore informazione su questo argomento.
Le Leggi Universali sono nostre alleate, non sono nemiche da sconfiggere. Vanno ri-conosciute, interpretate e applicate. Richiedono un grande sforzo interiore, un lavoro su se stessi, affinché possiamo letteralmente cambiare il modo di “vedere” il mondo che ci circonda. Possiamo cominciare da subito, iniziando a trasmettere consapevolmente le vibrazioni che emettiamo.

Tutte le persone che reputiamo “malvagie” e le situazioni che ci procurano fastidi, sono in realtà solo messaggeri che ci rendono visibile l’invisibile. Chi riesce a percepire tutto questo ed è disponibile ad assumersi in prima persona la responsabilità del proprio destino, perde ogni paura di fallimento nella propria vita. Appena permetterete a questa nuova prospettiva di farsi strada nella vostra mente e tra i vostri pensieri, comincerete ad accorgervi di come siete realmente degli Esseri Vibrazionali che entrano in risonanza e attraggono tutto ciò che accade a loro, e inizierete il meraviglioso viaggio verso la Creazione Intenzionale.

Una volta che capirete la correlazione tra ciò che pensate e ciò che ricevete, sarete arrivati a destinazione. Bisogna osare, ci vuole molto coraggio, ma dovete ritrovare l’identità, la vostra individualità, il vostro centro di gravità permanente. In caso contrario, sarete sempre più schiacciati dalla vostra personalità e dal nostro Ego, risuonerete assieme a quella massa di individui sempre più spenti, sempre più globalizzati, sempre più lamentosi, sempre più schiavizzati e, guarda caso, anche sempre più ammalati.

Vi è una verità elementare che concerne ogni iniziativa e ogni creazione e l’ignorarla sopprime innumerevoli idee e i più splendidi progetti: non appena ci si impegna in maniera definitiva, anche la Provvidenza si mette in moto.
Accadono moltissime cose che ci vengono in aiuto e che non si sarebbero altrimenti verificate.
L’intero succedersi degli eventi scaturisce da quella decisione, provocando, a nostro favore, ogni sorta di fatti, di incontri, di aiuti concreti che nessun uomo immaginerebbe mai di trovare sulla propria strada”.
W.H.Murray, “The Scottish Himalayan Expedition”

Tragicomico

Smiley face

7 comments

Barnaba 24 Febbraio 2020 - 15:50

Complimentissimi!!! capii bene questa legge fondamentale quando lessi ” Le regole dell’infinito” di Francesco Giacovazzo.
Da questa legge arrivava a parlare dell’importanza della GRATITUDINE. Non solo gratitudine per ciò che abbiamo, ma gratitudine anche per ciò che ancora non abbiamo: “Quando ringraziamo come se avessimo già ricevuto quello che volevamo. trasmettiamo un potente segnale all’universo. Il segnale comunica che possediamo già quella cosa, dato che proviamo gratitudine per il fatto di averla.”
Per me, un modo di vedere la tanto inflazionata ( nell’ambito della crescita personale) gratitudine del tutto nuovo.
Tra l’altro ricordo che mi balzò in mente Igor Sibaldi e la sua tecnica dei 101 desideri ( ne hai sentito parlare?) che a questo punto perdeva di potere dato che Secondo Giacovazzo Volere qualcosa trasmetteva il messaggio di non averla. La Volontà doveva essere scambiata con L’Intenzione.
Cosa ne pensi? Sarei molto grato di sentire una tua opinione dato che sono giovane e tu sicuramente molto più esperto in materia.

Rispondi
Tragicomico 25 Febbraio 2020 - 16:57

Ciao Barnaba, grazie per il tuo commenti e i vari spunti letterari offerti. Ne ho sentito parlare, ma non ancora letti. Quello che posso dirti che non puoi scambiare la volontà con l’intenzione, perché sono due processi della medesima operazione. Solo che non avvengono nello stesso istante, prima l’intenzione e poi la volontà. È come scagliare una freccia, deve esserci prima l’intenzione e poi la volontà di farlo, se manca una delle due, nulla viene scagliato. E lo stesso vale per ciò che vuoi “scagliare” nell’universo. La gratitudine, da questo punto di vista, è un atto generoso e nobile, che ti eleva di frequenza e, di conseguenza, ti permette di ricevere qualcosa di “superiore”, in armonia con la tua frequenza. Ma dev’essere una gratitudine spontanea e non indotta.

Rispondi
Andrea 4 Dicembre 2020 - 10:55

Ottimo articolo, molto interessante! Grazie mille

Rispondi
Tragicomico 4 Dicembre 2020 - 11:15

Grazie a te Andrea, per essere passato da qui!

Rispondi
Maja 4 Febbraio 2021 - 18:09

Ciao Tragicomico! Ecco un altro ottimo articolo che ti porta a riflettere sui pensieri, intenzioni e azioni innescati dall’energia che ci metti dentro, come se fosse benzina invisibile che mette in moto accadimenti ( cosmici e non ) :). E’ vero noi attiriamo quello che ” non vogliamo, che ci da fastidio ” , per esempio c’è quella vicina di casa che ogni volta quando la vedi preghi Dio che lei non ti becca perchè attacca il bottone a non finire. Più cerchi di evitarla più ti si palesa davanti. Allargando il discorso sui fatti della vita più importanti mi sembra di capire che non puoi rimandare l’inevitabile perchè comunque e qualunque cosa tu faccia succederà. Ho notato anche che nelle giornate o momenti che io emano consapevolmente l’energia positiva è come se tutto il mondo ti sorridesse e ti investisse una cascata di luce ( e non uso le sostanze oppiacee :)) è una sensazione magica perchè è un boomerang: tu prontamente ricevi un’ondata di energia positiva da qualcun altro.
Mi piace anche la citazione che hai messo in fondo all’articolo, è vero: già sperimentato in persona, è proprio una Legge Universale. Dovrò procurarmi quel libro. Come sempre ti ringrazio per la tua ” cosmicità” 🙂

Rispondi
Tragicomico 5 Febbraio 2021 - 15:04

Grazie Maja per questo tuo commento così “ricco”, hai di fatto portato un esempio semplice ma estremamente efficace, perché l’universo non è in grado di distinguere fra ciò che ti piace o non ti piace, ma in base alle emanazioni che emani è capace di sentire quello che pensi inconsciamente e in automatico ti aiuta a fornirti l’elemento pensato. Ecco perché l’esempio della vicina è molto calzante. Molte persone credono che basti un pensiero per far avverare un qualcosa, in verità è un lavoro molto più profondo che ha a che fare con il proprio inconscio. Visto che i nostri pensieri coscienti sono solo la punta di un iceberg molto più profondo, fatto di pensieri e attività inconsce.
Ti auguro di continuare a emanare un flusso di energia “alta”, in modo da attrarre situazioni altrettanto piacevoli. A presto.

Rispondi
Maja 5 Febbraio 2021 - 18:14

Grazie Tragicomico! Sono d’accordo con questo tuo commento, quello che viene esternato è come hai detto tu solo la punta dell’iceberg. E la penso come te nella replica a Barnaba dove hai scritto che l’intenzione senza volontà non è efficace o semplicemente non succede nulla. E’ un pò come dei boccioli rinsecchiti che non sono mai diventati fiori. Spero di riuscire ad elevarmi sempre di più alle frequenze alte del cosmo, anche qui bisogna disimparare tanto…per apprendere del nuovo 🙂 A presto

Rispondi

Lascia un commento!

Articoli che ti potrebbero interessare