Home Tavola RotondaSpiritualità Il Destino Delle Anime Gemelle

Il Destino Delle Anime Gemelle

Tragicomico
24901 lettori

anime_gemelleQuando si parla di Anime Gemelle, ci si riferisce a quella particolare interconnessione che lega due o più anime con un unico destino: quello di incontrarsi, vita dopo vita, ed evolvere insieme lungo il cammino dell’evoluzione spirituale. Le Anime Gemelle si stimolano e si aiutano nel percorso di crescita spirituale, spesso una viene in soccorso dell’altra, proprio perché in primo luogo, esse hanno un destino da raggiungere, sulla base delle vite passate già vissute. Viviamo nell’Era della consapevolezza cosmica e ogni cosa che accade, ha una sua ragione di essere, nulla appartiene al caso; pertanto, anche i nostri ricongiungimenti, i nostri incontri, appartengono ad un programma cosmico ben definito.

La domanda che molti si pongono è: “Perché esistono le Anime Gemelle?”. Sicuramente le Anime Gemelle non sono un’invenzione di chissà chi, ma sono effettivamente una realtà che riguarda l’Essere, inteso come essere spirituale naturalmente. Possiamo definire la nostra anima come “incompleta”, “non evoluta”, e quindi ci si trova su questo pianeta, vita dopo vita, con determinate caratteristiche che devono essere completate dall’Anima Gemella, affinché possiamo manifestarci nella nostra integrità e far sì che si compia il Destino.

Un incontro tra Anime Gemelle è quel momento in cui un individuo prende coscienza che gli manca qualcosa, e che quel qualcosa è un tassello importante, fondamentale nella propria esistenza, perché gli ricorda qualcosa che è celato agli occhi della mente e che risiede nel cuore.

A differenza dei luoghi comuni, non è così scontato che si arriverà a sposare, o comunque a vivere insieme all’Anima Gemella più strettamente connessa a noi. Nel titolo ho usato volontariamente il plurale, Anime Gemelle, proprio perché molto probabilmente ce ne può essere riservata più di una, perché le famiglie d’anime procedono insieme. Quindi, può essere del tutto naturale sposare o vivere con una persona che non è la nostra Anima Gemella, ma è comunque un’anima che nello specifico ha qualcosa da insegnarci, oppure siamo noi che abbiamo qualcosa da insegnare a quell’anima. Tradotto significa che possiamo incontrare una delle nostre Anime Gemelle quando, sia noi, che lei, ci siamo già sposati e abbiamo creato una famiglia nella vostra vita attuale.

Questo succede perché la relazione tra Anime Gemelle perdura per molte vite, ma soltanto a livello spirituale, mentre noi possiamo vivere fisicamente con un’altra anima in accordo karmico. Così come non è escluso che il nostro legame animico più forte sia con l’anima di un nostro genitore, di un nostro figlio o fratello. Ma può anche darsi che la nostra Anima Gemella non si sia incarnata durante questa nostra esistenza e ci protegge dall’aldilà, come un Angelo Custode. Oppure, come nei desideri di molte persone, la nostra Anima Gemella si identifica con il nostro Partner o Amante, con quella persona che emana verso di noi un bisogno di stare insieme che sfugge alle ordinarie ragioni di attrattiva e supera ogni considerazione umana, trasformandosi in una sensazione di completezza e di appagamento senza ragione.

Ognuna di queste “opzioni” non è un caso o una causa, bensì è il destino delle Anime Gemelle che sono sempre destinate, in un modo o nell’altro, ad incontrarsi, anche solo per un attimo. A volte basta un incontro di pochi minuti per cambiare per sempre la nostra vita. E chi può avere questa forza dirompente su di noi, se non un’Anima Gemella?

Stare con la propria Anima Gemella è come sentirsi a casa, è un rapporto speciale, nel quale non si deve recitare, fingere o apparire, perché l’affinità che ci lega è immediata, profonda e “antica”, come se si conoscesse da sempre. Probabilmente non è una persona con gli stessi nostri interessi o opinioni, per il semplice fatto che l’attrazione che si crea è molto più profonda e misteriosa e non riguarda gli strati superficiali della personalità, in quanto viene dalla nostra stessa famiglia di anime. Le famiglie di anime nascono da quella che esotericamente viene definita un’anima-radice, o Super-anima. Un’anima-radice emanata dal Creatore (o Dio, o come preferite chiamarlo!) in tempi remoti e generatrice, nel tempo, di molte anime-compagne, e appunto, Anime Gemelle. Pertanto, sono anime che sono state create nello stesso istante e condividono l’identica essenza.

E si spiega così il perché i sentimenti reciproci tra Anime Gemelle sono in assoluto i più intensi che un’anima possa provare per un’altra anima. Le famiglie d’anime non sono altro che il macrocosmo, in un piano spirituale, della nostra famiglia tradizionale vista da un piano materiale, microcosmo. Per questo viene difficile spiegare cosa “provano” due o più Anime Gemelle, è un’intimità animica immediata, spontanea e inesprimibile con i parametri relazionali consueti.

Sento spesso dire da molte persone: “Perché non incontro la mia Anima Gemella?”, la risposta è alquanto semplice: l’Anima Gemella non va cercata, non è nelle nostre facoltà. Questi incontri sono materia del destino, bisogna semplicemente avere fede ed essere pronti, perché si verificheranno di certo. Successivamente, dopo l’incontro, sarà il libero arbitrio a decidere, il destino ci mette davanti un dono come l’Anima Gemella, ma noi dovremo essere in grado di riuscire ad ascoltare il nostro Cuore. Tanto più siamo Risvegliati, tanto più è probabile che la decisione (qualsiasi essa sia) si basi sull’Amore. E quando entrambi i partner sono Risvegliati, allora, per loro, l’estasi sarà a portata di mano.

Il mio consiglio è sempre lo stesso, vivete il momento presente, vivete al meglio ciò che avete di fronte adesso. Che sia la vostra famiglia, la vostra storia attuale, ciò che vi è vicino, vivetelo! Non restate sempre con la speranza rivolta al futuro, che un giorno arriverà qualcosa di migliore. Iniziate ad apprezzare quello che avete ora, entrate in contatto con la bellezza attuale della vostra vita, scendete in profondità, perché la bellezza la si trova anche in un rapporto burrascoso e pieno di difficoltà, in una famiglia piena di problemi. Perchè potreste avere la vostra Anima Gemella sotto i vostri occhi, ogni giorno, e non accorgervene. Uscite dagli stereotipi delle pubblicità, delle famiglie perfette del mulino bianco o della findus, la vita reale è ben altra cosa.

L’Amore è un fenomeno molto vivo, non è farsa e non è simulazione. Fidatevi delle vostre intuizioni, delle vostre sensazioni e ascoltate il vostro cuore, sempre, perché lui ci parla al di là di ogni dubbio. Abbiate fede nelle piccole cose, e l’Universo vi donerà tutto se stesso, perché solo chi sceglie lo stato del Cuore e dell’Amore, sa leggere le sincronicità che l’Universo mette nel sentiero del Destino.

È facile capire come nel mondo esista sempre qualcuno che attende sempre qualcun altro, che ci si trovi in un deserto o in una grande città. E quando questi due esseri s’incontrano e i loro sguardi si incrociano, tutto il passato e tutto il futuro non hanno più alcuna importanza. Esistono solo quel momento e quella straordinaria certezza che tutte le cose, sotto il sole, sono state scritte dalla stessa Mano, la Mano che risveglia l’Amore e che ha creato un’anima gemella per chiunque lavori, si riposi e cerchi i proprio tesori sotto il sole. Perché se tutto ciò non esistesse non avrebbero più alcun senso i sogni dell’umanità.” Paulo Coelho, “L’Alchimista

Tragicomico

Smiley face
36 comments
6

36 comments

Daniele 21 Gennaio 2020 - 19:29

Interessante, ma che prove ci sono che sia effettivamente così?

Rispondi
Tragicomico 21 Gennaio 2020 - 23:07

Le prove appartengono al singolo, nel momento in cui sperimenta in prima persona. Se ti dico che il muro davanti a te è caldo, nessuno può verificarlo se non te stesso. Non ci sono prove che sia effettivamente come dico io, così come non ci sono prove che NON sia effettivamente come dico io. Sperimenta e trai le tue conclusioni personali. Io qui divulgo quelle che sono le mie di conclusioni. A presto.

Rispondi
Debora 10 Aprile 2020 - 22:33

Come faccio a capire se è lui o lei la mia anima gemella? Quali sono le sensazioni? Magari mi autoconvinco

Rispondi
Tragicomico 12 Aprile 2020 - 18:29

Ciao Debora, a me piace definire l’anima gemella come un “riconoscersi fra anime”. Quando senti di “riconoscere” chi hai davanti, anche se magari è una persona ancora sconosciuta, quello puo’ essere un segnale.

Rispondi
Alexandra 11 Settembre 2020 - 2:24

A me è successa una cosa strana un anno e mezzo fa circa, avevo lasciato il mio ex da 6 mesi circa, non lo amavo più, mi trovavo al lavoro e ad un certo punto ho sentito il rumore di una moto, mi sono girata e ho pregato che girasse e venisse verso me non so perché, nel momento in cui ha girato e ho capito che stava effettivamente venendo nella mia direzione parcheggiando la moto davanti al mio posto di lavoro ho iniziato a tremare come una foglia, e ancora non l’avevo visto in faccia, nel momento in cui si è levato il casco mi sono sentita sprofondare, ho sentito il cuore perdere colpi, era esattamente l’incarnazione del mio uomo ideale, esattamente come l’ho sempre immaginato e voluto, quando ci siamo guardati negli occhi ho pensato subito” è lui”. Non ci potevo credere che il mio tipo ideale esistesse veramente, tanto meno che mi si palesasse davanti agli occhi! Lui si è seduto, io l’ho servito, è stato lì per un po’ e poi se n’è andato ed io non ho nemmeno avuto il coraggio di chiedergli come si chiamasse e di questo mi pentirò tutta la vita, è il mio unico e grande rimpianto, ma mi sono sentita come se ci fossimo incontrati nel posto sbagliato al momento sbagliato, io non ero pronta per una nuova relazione, non ho ancora capito se è stato solo un colpo di fulmine o se fosse lui la mia anima gemella. Avevo un sorriso fino alle orecchie, mi sentivo talmente euforica che mi nascondevo sotto il bancone per non farmi vedere quanto mi venisse da ridere, non mi è mai capitato una cosa del genere, la cosa bella è stata che non mi sono sentita attratta da lui solo perché era un bellissimo ragazzo ma dal suo atteggiamento, dalla sua tranquillità, da come stava seduto e si guardava in giro, da come fumava la sua sigaretta, da come mi guardava con la coda dell’occhio per vedere se io lo guardavo! Io scoppiavo dentro ma non ho avuto la forza di fare niente perché sono timida e perché avevo una maledetta paura, paura di essere rifiutata, e così non ho fatto niente! È passato un anno e mezzo ed io non riesco a dimenticarlo e spero con tutta me stessa di rincontrarlo ancora una volta. Ah inoltre qualsiasi persona mi capita di vedere e di incontrare lo paragono a lui e nessuno è mai abbastanza perché da quando l’ho incontrato ho capito che lui è quello che volevo, che cercavo ed ora che so che lui esiste, non mi accontento di nessun’altro, dovrebbe capitarmi di nuovo una cosa del genere per poterlo dimenticare ma quando esco di casa cerco i suoi occhi in mezzo alla gente e spero di incontrarlo.
Spiegatemi cos’è stato questo… perché io non l’ho capito.

Rispondi
Tragicomico 11 Settembre 2020 - 9:55

Ciao Alexandra, grazie per averci raccontato un frammento così prezioso della tua vita. Difficile dire cosa possa essere stato, sicuramente non un incontro “comune”, altrimenti non ti sarebbe rimasto così impresso. Questa persona ha “risvegliato” qualcosa in te e lo ha fatto in pochi minuti, come se ci fossero già dei “precedenti” fra di voi e questa è una possibilità molto concreta per chi crede che non arriviamo a questo mondo una cosa sola. Il mio consiglio è quello di lasciar fluire, non fossilizzarti su questo incontro, lascia andare l’energia affinché possa fare il suo corso. Anche perché, quell’energia, come l’hai sentita tu, l’ha sentita anche lui. A presto!

Rispondi
Alexandra 11 Settembre 2020 - 19:44

Mi sono sempre chiesta appunto se anche lui ha sentito lo stesso, inoltre una cosa che mi sono dimenticata di dire è che quando l’ho guardato negli occhi mi sembrava stranamente familiare, anche se però non l’avevo mai visto prima! Ho avuto come l’impressione di conoscerlo già da una vita( sicuramente non questa ho pensato). La cosa curiosa è che qualche mese prima mi era capitato di sognare di essere colpita da un fulmine per ben 2 volte! La prima è stata come un avviso e la seconda mi ha lasciata stecchita nel senso che non sono più riuscita a muovermi( nel sogno) però stavo benissimo, mi sentivo solo elettrizzata, viva, poi mi sono svegliata, ho cercato il significato del sogno dappertutto anche chiedendo ad altre persone, dopo qualche mese l’ho capito, dopo averlo incontrato, la mia paura è che visto che non ero pronta ad una nuova storia in quel momento, non vorrei che questa occasione io l’abbia persa per sempre nel senso che non mi ricapiterà più. Ho di nuovo scritto un papiro, chiedo scusa ma ho bisogno di risposte. Grazie per la comprensione

Alexandra 11 Settembre 2020 - 20:04

Mi sono fatta tante domande del perché lui non fosse tornato, se fosse stato solo di passaggio o non ha più avuto modo o motivo di tornare, probabilmente perché anche per lui come per me era il momento sbagliato, magari era fidanzato o altro. Magari non ha sentito lo stesso perciò non aveva interesse nel tornare o magari ha sentito anche lui la stessa cosa ma non è più potuto tornare, chi lo sa ?! Parlo di questo evento in particolare perché mi ha trasmesso delle sensazioni che a parole non si possono descrivere ed è stato l’unico fin’ora! Sono rimasta letteralmente stravolta ! E come allora anche adesso non so come prendere questa cosa! So solo che è stato come se l’avessi riconosciuto! Sono ancora senza parole! Grazie ancora

Tragicomico 11 Settembre 2020 - 22:16

Conoscere il futuro non è nelle nostre possibilità – o meglio, non ancora – , però credo che questo incontro, seppur così breve ma intenso, sia stato una grande lezione di vita, al di là del fatto che lui possa capitare ancora nella tua vita. La lezione è che le persone speciali le riconosci, le senti, e il fatto che sia successo una volta non vorrà dire che non succederà ancora. Magari in altre forme e contesti, ma la prossima volta saprai riconoscere una tua parte gemella.

Rispondi
Oriana 20 Novembre 2020 - 22:54

Io so perfettamente di cosa parli. Dalle loro domande capisco che la loro evoluzione spirituale ancora è in alto mare..

Rispondi
Antonio 28 Gennaio 2020 - 11:11

È esattamente come dici tu. Nel momento in cui incontri l’anima gemella si superano tutte le barriere di spazio e di tempo, entri in una dimensione di infinito e capisci la natura divina di ogni esistenza. Aggiungerei che la vita stessa assume un significato diverso. Un sentitissimo ringraziamento a Tragicomico.it per aver affrontato un argomento così sensibile. Purtroppo è estremamente complicato confrontarsi con qualcuno su tematiche di questa portata.

Rispondi
Tragicomico 28 Gennaio 2020 - 12:30

Ti ringrazio Antonio, per questo tuo commento così prezioso e pregno di gentilezza nei miei confronti. È vero, sono argomenti di cui si parla troppo poco, motivo per cui l’amore ancora oggi spesso è vissuto come un tabù. Ne approfitto per consigliarti il mio libro “Schiavi del Tempo”, dove parlo anche dei rapporti personali, sempre più frivoli e superficiali in questa società moderna. A presto!

Rispondi
Andrea 4 Febbraio 2020 - 21:36

Neo sulla stessa mano a sinistra io e anche lei potrebbe essere una prova del fatto che sia la mia anima gemella in amore? O cosa potrebbe significare ? Secondo l’astrologia del Asia dicono che chi ha un neo nel palmo è capace di fare molte cose e di impararne di nuove ed ha sempre risoluzioni di soldi ma non parla di anime gemelle. Io e lei l’ abbiamo nello stesso punto della ✋ forse la stessa ne sai qualcosa?

Rispondi
Tragicomico 5 Febbraio 2020 - 17:55

Francamente non saprei che dirti Andrea, il mio consiglio è quello di continuare ad approfondire e potresti approdare a qualche significato simbolico che riesca a dissolvere il tuo dubbio.

Rispondi
Stefania 17 Febbraio 2020 - 11:21

Ciao! Mi sono imbattuta per caso nella lettura … Perché spesso la o le propria/e anima/e gemella/e si incontra che o uno dei due o entrambi sono già impegnati!? Cosa fare!? È per questo motivo che ci sono così tanti divorzi e/o tradimenti?! Qual’e’ l’ insegnamento da detrarre da questo? Grazie in anticipo. Stefania

Rispondi
Tragicomico 17 Febbraio 2020 - 18:21

Ciao Stefania, non c’è una regola su cosa fare e cosa NON fare. L’ho scritto anche nell’articolo, spesso si incontra l’anima gemella quando entrambi convivono già in una storia di coppia. Ma non c’entra nulla con i divorzi che sono frutto dell’incompatibilità di due persone. Due persone, quando si uniscono, possiedono una medesima frequenza, quindi vanno d’accordo, poi succede che uno dei due evolve e l’altro no, quindi due frequenze diverse che danno luogo a incomprensioni.

Rispondi
Ferdi 6 Aprile 2020 - 20:04

Bellissimo articolo, grazie, Tragicomico, mi sapresti dire perchè io, avendo incontrato giusto poche volte la mia anima gemella in questa vita, in nessuna di queste volte sono riuscito ad essere pronto e a “Risvegliarmi” che dovrei fare, non per essere banale, ma non dovrei più dormire?

Rispondi
Tragicomico 11 Aprile 2020 - 21:57

Non c’è un numero preciso di incontri o di tempo da trascorrere insieme… a volte sono solo 5 minuti, ma ti cambiano la vita! Bisogna essere svegli per saper riconoscere una buona occasione, altrimenti passerà come se nulla fosse. Un abbraccio

Rispondi
Giorgia 3 Maggio 2020 - 16:46

Ciao,mi chiamo Giorgia e da poco mi sono risvegliata,ho incontrato la mia anima gemella con intensità travolgente per tutti e due e ci siamo riconosciuti guardandoci negli occhi e vedendo un universo pieno di stellile una sensazione mai provata prima in assoluto non sono una ragazzina e presumo di riuscire piuttosto bene a distinguere, passione,amore e attrazione.Con questa persona è finita la storia..ti chiedo gentilmente e’ possibile che parlando con una persona al tel su degli argomenti delicati e entrando profondamente in sintonia mi sia partita una connessione tale e un’energia cosi forte che superi lo spazio temporale?Grazie della cortese risposta

Rispondi
Tragicomico 3 Maggio 2020 - 18:47

Giorgia le sensazioni che descrivi nella seconda parte del tuo commento sono quelle di una forte risonanza fra due individui, ma vibrare alla stessa frequenza non è sempre indice del fatto di essere dinanzi a un’anima gemella. In ogni caso continua a coltivare il rapporto e se son rose…

Rispondi
Alessia 22 Maggio 2020 - 9:41

Ciao!
Io credo di essere fidanzata con la mia anima gemella.. mi sento totalmente me stessa quando sto con lui ed è il ragazzo che ho sempre voluto.
Solo che continuo a sognare un altro ragazzo che altro non è che suo fratello.
Con lui non ho mai avuto nessun rapporto, ci siamo parlati due volte in tutto molti anni fa.
Io credo di essere stata sempre infatuata dell’idea che ho di lui quindi una parte di me dice che non potremmo mai avere un futuro insieme considerando che sarebbe l’ennesimo ragazzo a cui dovrei fare da madre.
Ed è spesso presente nei miei sogni.
Peró lo vedo molto simile a me come se sapessi perchè si comporta in certi modi come se lo conoscessi.
Magari è tutta un’illusione della mia mente, rappresenta un mio desiderio che non ho mai realizzato e quindi si ripresenta continuamente.
Sono confusa..
Ogni volta che mi sembra di averlo dimenticato definitivamente il mio inconscio me lo ripresenta..
Non so cosa pensare.

Rispondi
Tragicomico 26 Maggio 2020 - 22:11

Ciao Alessia, mi spiace deluderti, ma dal mio punto di vista la tua “ossessione” non ha nulla a che vedere con l’argomento animale gemella. Si tratta di un’attrazione che reprimi costantemente e quindi cerca di venire fuori in tutti i modi, tra cui, come spesso accade, nel mondo onirico. E fino a quando continuerai a pensarci, continuerai anche ad alimentare questa tentazione che ti costringerà a cedervi alla prima occasione utile.

Rispondi
Michela 26 Giugno 2020 - 8:53

Ciao,
io ho rincontrato dopo 15 anni un uomo lasciai anche se avevo accettato la sua richiesta di matrimonio, ma all’epoca non mi ero risvegliata. Anzi ho lavorato tanto su di me per superare alcune sofferenze forti. Oggi sono un’altra persona! Tra me e lui è tutto intatto e sicuramente più maturo. Ancora non ci frequentiamo in maniera assidua, ma quell’abbraccio quando ci siamo rincontrati per caso mi ha fatto sentire dove voglio stare; e quel “sei mia, sono 15 anni che sei mia” mi risuona come la vibrazione dell’universo!
So di averlo ferito all’epoca, ma io non ero pronta. Negli anni ho accettato e poi mollato ben tre matrimoni. Ho lavorato tanto sulla mia crescita personale da trasformare il dolore, e ora che da un po’ mi sento libera dal male e pronta, il cielo mi fa accadere questo..! Grazie per qualsiasi cosa mi dirai!

Rispondi
Tragicomico 28 Giugno 2020 - 22:12

Cosa dirti Michela, fai scegliere al tuo cuore, lui non sbaglia mai perché sa quello di cui hai bisogno. Un abbraccio.

Rispondi
Neve 4 Luglio 2020 - 10:21

Scusa ma mi hai scioccata! Ho incontrato un solo uomo che mi ha fatto sentire a casa. Non l’ho sposato perché troppo libertino, per me che, all’epoca, ero troppo insicura e alla ricerca di una sicurezza che lui, proprio per il suo comportamento non mi poteva dare…. non ho parole. Sei lucido nella descrizione ed arrivi dritto al punto. Continua così perché aprirai gli occhi a molte persone

Rispondi
Tragicomico 14 Luglio 2020 - 19:16

Grazie Neve, per la tua stima e per essere passata da qui. Sì, è proprio quel sentire di essere a casa una delle caratteristiche principali in un rapporto di anime gemelle. Che non vuol dire che si tratti di un rapporto idilliaco.

Rispondi
Anna 30 Agosto 2020 - 19:09

Dopo 35 anni ho rincontrato il mio fidanzatino delle elementari … avevamo 10 anni. Dal primo sguardo le nostre anime si sono riconosciute, i nostri cuori si sono parlati in silenzio. Non ci siamo più lasciati. Certo è complicato, Vive in un’altra città, ha un matrimonio e una figlia… facciamo di tutto per incontranti, ma il ns è un amore più profondo! Viene dal cuore,è un incontro di Anime, è quello che descrivi tu… quel magnetismo, quella attrazione cosmica, è del cuore, è percezione a distanza, è percepire i suoi stati d’animo anche da lontano, senza sentici. Io sono certa che non finirà più … e che le difficoltà piano piano svaniranno! È possibile che 2 anime gemelle si riconoscano e si scelgano già da bambini? Ci siamo conosciuti a 5 anni, e inconsapevolmente scelti da subito…. grazie per l’articolo stupendo! Anna

Rispondi
Tragicomico 31 Agosto 2020 - 17:45

Grazie a te Anna, per essere passata da qui e per averci raccontato la tua esperienza. Un riconoscersi fra anime… 😉

Rispondi
Liliana 1 Ottobre 2020 - 23:00

Abbiamo litigato ci siamo lasciati a causa dei suoi molteplici problemi ma ci incontriamo sempre in modo casuale tutti i giorni anche se non ci salutiamo più. Perché se non vuoi vedere una persona comunque x pura casualità la incontri sempre? Con lui una sintonia universale non serviva parlare ma abbiamo litigato sempre fin dai primi giorni. Può essere un’anima gemella anche se tanto burrascosa?

Rispondi
Tragicomico 2 Ottobre 2020 - 16:50

Non c’è una regola precisa per stabilire se la persona incontra o vicina possa essere un’anima gemella. Si tratta di “sentirlo”, tutto qui. Poi le incomprensioni sono spesso frutto degli attriti derivanti dal carattere di ciascuno, e non della parte animica.

Rispondi
Malvia 21 Ottobre 2020 - 8:26

Dieci anni di vite diverse ma con un legame che va oltre l’amore fisico. Abbiamo provato con il distacco fisico, temporale e anche con l’assenza totale di comunicazione anche per mesi. Mentalmente siamo ancor oggi presenti l’uno per l’altro perché insieme ci completiamo a vicenda. A volte basta solo un messaggio, un saluto, un “ci sono”, anche senza sentirci per mesi ma sapere sempre di esserci l’uno per l’altro. Gli incontri dei nostri occhi ci completano a vicenda, un tutt’uno anche senza rapporto fisico. Ci critichiamo a vicenda come se i difetti dell’altro fossero i propri, ma il sentimento che ci lega non svanisce nonostante le distanze fisiche per le vite parallele. La lontananza del rapporto fisico non ha mai scalfito la nostra sintonia mentale. Ci sentiamo complementari e lo abbiamo capito entrambi.

Rispondi
Tragicomico 23 Ottobre 2020 - 16:46

Grazie Malvia, per averci raccontato un frammento di questa meravigliosa esperienza animica.

Rispondi
Alessandria 21 Novembre 2020 - 11:06

Ho fatto un sogno stanotte che, non so come spiegarlo, mi ha portato qui. Ero in spiaggia e ho incontrato quella che credo sia la mia anima gemella, una persona con cui ho avuto una “connessione” (non so come altro descrivere quella sensazione) profonda ed immediata. Come nella realtà, nel sogno ero impegnato in una relazione che non so più dove sta andando, piena di difficoltà ma che non riesco ad interrompere per vari motivi. Con questa persona nel sogno c’è stato solo un abbraccio, davanti la porta della mia vecchia casa, con i miei genitori (che non ci sono purtroppo più) impegnati in casa a fare delle faccende, e con quella che è mia sorella nella “parte” della mia compagna attuale che ci ha visto e ha dato in escandescenze, fino a farmi dire che era ora di interrompere la nostra relazione. Non ricordo le fattezze di quella che credo, nel sogno, fosse la mia anima gemella, il sogno è finito con me che mi incontravo con alcuni miei amici e nel mentre ero triste perché mi ero fatto sfuggire questa persona, provando un senso di solitudine assoluto. Mi sono svegliato molto inquieto, ricordo nel dettaglio la sensazione provata nella spiaggia del sogno e durante l’abbraccio con quella persona, mi sento un po’ sottosopra ma stranamente più calmo di quando sono andato a dormire ieri sera (è un periodo per me pieno di preoccupazioni e tensioni, sono spesso nervoso e poco sereno). Poi, appena acceso il telefono, non so neanche come sono arrivato qui a scrivere, leggevo un sito di cronaca e ho letto la parola “anima” in tutt’altro contesto e all’improvviso ho provato le stesse emozioni dell’incontro in spiaggia del sogno, ho digitato “anima gemella” ed eccomi qua… Che sta succedendo?

Rispondi
Tragicomico 22 Novembre 2020 - 18:41

Non sta succedendo nulla di strano, semplicemente stai toccando con mano il potere delle interconnessioni che ci circondano. Per vari motivi non posso e non devo essere io a interpretare il “tuo” sogno, proprio perché è tuo e appartiene a te, ma ti invito a prenderne nota su di un diario perché lo vedo molto carico simbolicamente, quindi evidentemente c’è “qualcuno” che sta provando a comunicarti qualcosa ed è probabile che succederà ancora. Il mondo onirico comunica per via di simbolismi, non usa il nostro linguaggio parlato, quindi c’è da svolgere un lavoro di decifratura e interpretazione. In ogni caso puoi farcela tranquillamente, visto che hai fatto la cosa più importante di tutte: volgere l’attenzione sulle tue sensazioni nel sogno, se queste sono positive, allora non c’è nulla da temere, ma solo da andare avanti. Con coraggio.
Un abbraccio!

Rispondi
Alessandro 23 Novembre 2020 - 17:15

Come può una persona come me, estremamente razionale, per necessità più che per indole, intraprendere un percorso di introspezione e interpretazione dei propri sogni o dei propri stati d’animo? Ho pensato davvero molto al sogno e sopratutto alle sensazioni provate, non riesco ad andare oltre una spiegazione “razionale” dello stesso. Un esempio? Rispetto alla tua frase “quindi evidentemente c’è “qualcuno” che sta provando a comunicarti qualcosa” penso che non può esserci nessuno che voglia comunicarmi qualcosa, sono troppo preso da altre questioni e negli ultimi anni (non esagero) non ho avuto modo di non dico conoscere, ma approfondire nessun tipo di conoscenza oltre le solite storiche frequentazioni (amici, colleghi, familiari), e tutte le persone del mio passato appartengono, appunto, al passato. L’unica persona che può volermi comunicare qualcosa sono io stesso, il mio inconscio che mi suggerisce che la strada intrapresa negli ultimi anni, molto pratica e materialista, per cambiare quello che “mi sta stretto” può essere quella giusta, ma ripeto, non c’è nulla di spirituale in questo percorso fatto solo di scelte pratiche e di “convenienza” economica. Se penso agli altri aspetti del mio sogno, alle altre figure, trovo anche qui facilmente una spiegazione che comunque non porta a nulla di così spirituale, solo, a limite, la consapevolezza che per alcuni aspetti chi mi conosceva bene (i miei genitori) ci avevano visto giusto per alcune cose ma sottovalutato altri aspetti. Anche l’incontro finale non proprio “felice” con i miei amici trova una spiegazione, quella tristezza e senso di vuoto non sono dovuti alla mancanza di una persona particolare ma frutto di alcune esperienze deludenti avute ultimamente nei loro confronti, ed ecco spiegato anche questo aspetto. La figura di mia sorella presente nel sogno rispecchia nient’altro che se stessa e le sue dinamiche, molto differenti dalle mie, di affrontare l’imprevisto, ovvero il lasciarsi andare all’emotività del momento. La spiaggia è semplicemente un elemento che mi manca, vivendo vicino al mare ma essendo impossibilitato a causa del periodo a viverlo come vorrei.
Ti chiedo scusa, non voglio sminuire la tua risposta né spingerti a dirmi di più (ho avuto la netta impressione che tu sappia o immagini più di quanto scritto in risposta, o comunque che possa avere una chiave di lettura che mi sfugge) in realtà, senza offesa alcuna, ancora mi chiedo cosa ci faccio qui a scrivere, non trovo elementi che possano portarmi in un’altra direzione e quelle sensazioni stanno via via svanendo con il passare dei giorni.
Grazie comunque del tuo tempo, ricambio il tuo abbraccio.

Rispondi
Tragicomico 24 Novembre 2020 - 16:45

La consapevolezza è un aspetto molto più spirituale di quanto si possa comunemente credere, e quando la consapevolezza è matura significa che si è svolto un lavoro di introspezione non indifferente. Tu hai dei risultati ma è come se avessi preferito non vederli. Il sogno non ha fatto altro che rivelarteli, visto che in qualche modo li reprimi, forse per restare ancorato ad un passato che non ti appartiene più. E “qualcuno” sta cercando di fartelo notare, regalandoti sensazioni ormai assopite. Ovviamente sentiti libero di mettere in dubbio questa mia interpretazione. Buona vita Alessandro.

Rispondi

Lascia un commento!

Articoli che ti potrebbero interessare