Home Salotto LetterarioAttualità Una Politica Cieca Genera Soltanto Nuovi Poveri

Una Politica Cieca Genera Soltanto Nuovi Poveri

Tragicomico
1k letture

L’idea di fondo alla base delle moderne democrazie si basa sul fatto che tutti i cittadini di un determinato Stato contribuiscano al benessere collettivo della loro nazione, per averne in cambio beni e servizi ritenuti essenziali dalla società stessa. In linea teorica, tutti noi dovremmo sentirci cittadini di una comunità politica e sociale che ci consente, anche con il nostro contributo, di avere accesso ad un’abitazione dignitosa, a cure mediche efficienti, a un’educazione scolastica e a mezzi di trasporto funzionanti.

Tuttavia, non passa giorno, soprattutto negli ultimi tempi, in cui il nostro diritto a vivere una vita dignitosa venga minato da manovre politiche rivolte a rendere inaccessibile tutto ciò che dovrebbe essere garantito dal semplice fatto che nasciamo cittadini e che, da cittadini, paghiamo le tasse e rispettiamo le leggi della nazione in cui viviamo. Se i rincari del carburante rappresentano ormai una piaga costante, alla quale ci troviamo quasi assuefatti, anche il diritto ad andare in pensione prima di morire di vecchiaia, la possibilità di pagare puntualmente bollette e utenze di varia natura, sono entrati nel mirino di una Politica cieca che genera in continuazione nuovi poveri accampando le più disparate scuse.

Mentre si legifera e si discute nei palazzi della Politica su quale debba essere il colore adatto da apporre sull’insegna di un bagno pubblico riservato alle persone intersessuali, asessuali o non binarie, i Poveri si trovano sempre più relegati nei metaforici quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi, essendo troppo intento, per dirla con De André, a scaldare la gente d’altri paraggi.

Il fenomeno legato all’impoverimento della classe media rappresenta ormai una costante statistica che si trova ben lungi dal poter assistere ad un’inversione di tendenza, quantomeno in un immediato futuro.
Fatta eccezione per qualche misura meramente cosmetica o propagandista adottata nel corso degli ultimi anni, tutte le scelte operate dai governi dell’ipotetica Terza Repubblica sono state contraddistinte dal comune denominatore rappresentato dallo spreco di denaro pubblico e da un aumento costante dei prezzi che ha portato il cittadino medio a finanziare, suo malgrado, i vari capricci della Politica e di chi la manovra.

Nella politica è come sul teatro. Vi ha gli autori che scrivono le opere
da recitarsi e non appaiono sul palco;
e gli attori che le recitano pubblicamente e non le hanno scritte.”
(Carlo Dossi, “Note azzurre”)

Le rovine viventi di queste scellerate politiche al caviale sono rappresentate da tutti coloro che hanno visto il loro potere d’acquisto azzerarsi nel corso degli ultimi decenni e che si ritrovano, nelle loro cassette della posta, con bollette lievitate per magia, come una pizza in un forno a legna.
Il fumo negli occhi di una società postmoderna, iper tecnologica, inclusiva verso tutto e verso tutti, ha rapidamente svelato l’incendio del quale il fumo non è che la manifestazione finale.
L’incendio dei contratti, del potere salariale, delle piccole imprese, delle manifatture costrette alla chiusura, della lotta all’inflazione, della valorizzazione delle risorse umane e culturali di un Paese dove tutto viene ormai arso vivo, per garantire alla classe politica di trasformare i propri continui e infiniti fallimenti in altrettanti successi; prima di passare – forse – per le urne.

Gli ideali sono sicuramente qualcosa di nobile, in grado di elevare l’uomo dalla condizione animale verso la quale si trova costretto perennemente a tendere, ma senza la possibilità di vivere una vita dignitosa, gli stessi ideali cessano di esistere e si trasformano in rancore. Un cittadino costretto a passare notti insonni, interrogandosi su come potrà pagare l’affitto, far fronte ai rincari energetici in atto, garantire un futuro ai propri figli, è un cittadino che viene svuotato della sua stessa umanità, dei suoi sogni e dei suoi ideali. Chi fatica a comporre un pasto decente sulla propria tavola non ha altro pensiero che possa dargli conforto, se non quello legato alla sua sussistenza, perché senza poter fruire di risorse necessarie alla sopravvivenza, tutto il resto diventa un misero filosofeggiare.

Quaggiù la povertà è vergogna che nessun merito lava;
è delitto non punito dalle leggi,
ma perseguitato più crudelmente dal mondo.
(Ugo FoscoloEpistolario”)

La povertà, si sa, rappresenta l’anticamera della disperazione e chi è disperato è disposto a tutto pur di porre rimedio alla propria condizione, dal momento che di fronte a una tavola vuota, resta gran poco ancora da perdere.
Crediamo di essere liberi, ci diciamo tutti disposti a morire per la nostra libertà, senza renderci conto che la suddetta libertà è una mera chimera e che non esiste più da tempo, ammesso che sia mai davvero esistita.

La libertà non consta soltanto dell’assenza di vincoli fisici, ma anche, e soprattutto, in quella di vincoli morali. Il sistema di debito creato dalle moderne società turbo capitalistiche non differisce poi molto da una catena in acciaio, dato che entrambi ci impediscono di poterci autodeterminare e di pensare liberamente. Non veniamo più fisicamente ancorati ad un muro in cemento con una catena che ci stringe i polsi, ma viviamo un’intera esistenza legati ad una serie di debiti che siamo costretti a fare per poter accedere a beni e servizi di prima necessità.

Tanto il possesso di una casa, quanto quello di un’automobile, il consumo di energia elettrica, di gas o di carburante rappresentano elementi della nostra quotidianità dai quali non possiamo prescindere in questo modello di società, e lievitare i prezzi di ciò che serve per vivere è un atto barbaro e disumano, esattamente come lo schiavismo.
Sinceramente l’idea di un autunno – trascorsa la sbornia estiva in riva al mare – contraddistinto da nuovi aumenti e nuovi rincari mi toglie il respiro, così come mi soffoca il pensiero di un nuovo esercito di poveri, ormai tanto disperati da essere disposti a vendersi per un tozzo di pane.

Mi soffoca l’ipocrisia di tutti coloro che ci invitano all’ennesimo sacrificio per nobili ideali, soprattutto quando l’invito viene fatto da un palazzo regale o dal predellino di una Rolls-Royce.
Mi soffocano le persone che litigano tra loro su questioni astratte, lontane dal loro vissuto, senza più preoccuparsi di quell’immensa minoranza silenziosa che giorno dopo giorno viene resa un po’ meno umana nell’indifferenza generale.

Tragicomico

Smiley face

6 commenti

FAbrizio Mauro 16 Giugno 2022 - 22:21

Dal romanzo 1984: Winston come fa un uomo a esercitare il potere su un altro uomo?
Winston rispose ,facendolo soffrire
«Bravo disse O’Brien, facendolo soffrire. Non è sufficiente che ci obbedisca. Se non
soffre, come facciamo a essere certi che non obbedisca alla nostra volontà ma alla sua? Potere vuol dire infliggere dolore e umiliazione. Dal mio punto di vista, penso che l’esempio sopra citato calzi perfettamente, uno stato che non ama il suo popolo non è uno stato, ma è un regime, e mette in condizioni che la parola vivere sia cancellata, ma sia sopravvivere fregandosene di quello che ogni famiglia dovrà subire come salasso sul bilancio famigliare. Non aggiungo altro, altrimenti mi può sfuggire qualche parola di cattivo gusto. Buona vita a tutti.

Rispondi
Tragicomico 17 Giugno 2022 - 19:47

Conosco bene questo passo da te citato, tra l’altro “1984” è un’opera che consiglio sempre di leggere, un mondo distopico che è diventato realtà e ce l’abbiamo davvero sotto al naso.

Rispondi
Rosa 17 Giugno 2022 - 18:10

A volte basta una sola parola per dire tutto: GRAZIE! per il tuo impegno, il tuo lavoro che permette di leggere “respirando” aria pulita in un mare di notizie e commenti che purtroppo stanno inquinando menti e comportamenti.

Rispondi
Tragicomico 17 Giugno 2022 - 19:50

Grazie a te Rosa, per il tempo che mi hai dedicato. Io ci provo sempre ad offrire qualcosa di puro, semplice e incontaminato, com’è giusto che sia. Poi le considerazioni finali spettano sempre al lettore. Un abbraccio e spero di averti ancora come lettrice.

Rispondi
paolo 24 Giugno 2022 - 10:33

Semplice, chiaro e senza possibilità di essere frainteso. Per quanto può essere utile o consolatorio: ciò che ti soffoca, soffoca anche me. La determinazione, che potrebbe essere usata diversamente, di vedere un nemico esterno, di scaricare le proprie responsabilità, di non cercare dentro non tanto le proprie responsabilità ma le proprie potenzialità è davvero soffocante. A volte diventa difficile vivere, le difficoltà ti sovrastano e ti schiacciano, tieni duro perché sei stato negli anni previdente, anche se mai avresti pensato di dover usare quelle riserve per questo motivo. Al mattino mentre ti raccogli vedi il mondo con occhi diversi, vedi una meravigliosa luce dentro il tunnel nero come la pece e comprendi che dentro di te qualcosa sta cambiando, tuttavia, ora dopo ora, la pece ti si attacca alla pelle e ti brucia l’anima. Cerchi di resistere ma non è facile, cerchi di ancorarti a tutti quei nobili pensieri e “credo” del mattino, così arrivi alla sera esausto ma vivo. Un nuovo, vecchio giorno è passato. Se guardo indietro di mesi, scopro che quella luce era solo una lucciola ed oggi è molto più grande, così il mio cuore si rasserena nella convinzione che domani la luce prenderà il posto dell’oscurità e la pece, che in realtà non era pece, diventa inchiostro dentro un piccolo recipiente nel quale intingevo il mio pennello per scrivere la mia storia.

Rispondi
Tragicomico 25 Giugno 2022 - 19:31

Grazie Paolo, per questo tuo commento che infonde speranza e consapevolezza. Mai cullarsi, bisogna sempre essere in guardia, con un occhio vigile e critico, e con un occhio rivolto al futuro, visionario, per creare un mondo migliore. A partire da se stessi. Un abbraccio!

Rispondi

Lascia un commento!

Articoli che ti potrebbero interessare