Home Salotto LetterarioMusica & Film “Finché C’è Guerra C’è Speranza” – Ecco Perché Si Fanno Le Guerre!

“Finché C’è Guerra C’è Speranza” – Ecco Perché Si Fanno Le Guerre!

Tragicomico
228 lettori

Finché C’è Guerra C’è SperanzaFinché C’è Guerra C’è Speranza” è il titolo di uno storico film del 1974 che vede come protagonista (e regista) Alberto Sordi nei panni di Pietro Chiocca, uno spregiudicato venditore di armi nei paesi del terzo mondo. Vende armi, bombe, carri armati e aerei a dittatori africani, dirotta voti parlamentari a suon di corruzione, permettendo così alla sua famiglia già benestante e residente nel centro di Milano di trasferirsi in una lussuosa villa immersa nel verde. Tutto procede per il verso giusto finché un giorno un giornalista del Corriere della Sera lo ha sbattuto in prima pagina con titoli altisonanti: “Ho incontrato un mercante di morte”, “Il Cobra tra le sue vittime” ed ecco l’indignazione dei suoi stessi familiari. Davanti allo sdegno e al disprezzo dei suoi familiari, il protagonista Pietro Chiocca si offre di tornare al suo vecchio e onesto lavoro come commerciante di pompe idrauliche. Ma i famigliari, posti di fronte all’alternativa di rinunciare alle comodità e ai lussi cui sono ormai abituati, preferiranno ignorare l’origine dei guadagni del loro capofamiglia.

Il titolo sarcastico “Finché c’è guerra c’è speranza”, discutibile da un profilo morale, è oggi più che mai profondamente vero, attuale, in un mondo dove giornalmente si registrano “bollettini di guerra”, e ci ricorda la vera ragione del perché si fanno le guerre! Già, perché si fanno le guerre? A cosa servono le guerre? La risposta potrebbe avere mille sfaccettature diverse e io, come il buon Alberto Sordi, non sono un filosofo, per natura sono tragicomico, e quindi posso fornirvi una risposta “diversa” da quella che vi forniscono gli storici, i pensatori e i mezzi di comunicazione, una risposta che coincide proprio con quella data dall’ormai compianto attore romano.

Abbiamo fondato il nostro modello esistenziale sul “Mors tua vita mea” pensando che fosse l’unico possibile, così come nella foresta pluviale le scimmie lottano fra loro per accaparrarsi i migliori frutti, allo stesso modo in Occidente gli Stati ora chiamati “ricchi” sono proprio quelli che hanno saccheggiato un intero mondo attraverso guerre di ogni tipo. La nostra arte, la cultura, la tecnologia, la democrazia, il tenore di vita, sono state fondate sullo sfruttamento e la colonizzazione, il massacro, il sangue di buona parte del mondo ad opera dei grandi imperi coloniali: Britannici, Francesi e Spagnoli. La schiavitù così come la guerra è un nostro prodotto. Tutti lo sanno. Tutti sanno perché si fanno le guerre dalla notte dei tempi. Ma a nessuno interessa saperlo, perché finché c’è guerra c’è speranza.

C’è la speranza per noi occidentali di poter continuare a godere di standard elevati di vita in termini esistenziali e di comodità, e non siamo disposti a cedere nemmeno un grammo di questo “benessere” agli altri Stati in via di sviluppo. Come società glorifichiamo una cultura della “morte” ad ogni piè sospinto, mediante congreghe di potere che cercano di gestirne il monopolio promettendo premi di varia natura. Viviamo per la morte altrui. Semplicemente perché chi sta dall’altra parte della barricata è sempre un nemico o potenziale tale, che sia nero, verde, giallo, islamico, o semplicemente il vicino tale e quale a noi, poco ci interessa, in quanto la “morte” dell’altro è vita per noi in questo Sistema schizofrenico in totale declino.

Questa è la paradossale situazione in cui ci troviamo, e credo che questa pellicola realizzata oltre quarant’anni fa esponga in maniera ben visibile questo dramma. Un dramma tra Stati ricchi che detengono il potere e allo stesso tempo continuano ad oliare quegli ingranaggi indispensabili per mantenere un gradiente di ricchezza squilibrato, e dall’altra parte del dramma ci sono gli Stati poveri che continuano a subire le angherie economiche da parte degli Stati ricchi. Così come nella foresta pluviale solo un gruppo di scimmie, quelle più furbe e più aggressive, riescono ad arraffare il maggior numero di frutti in una guerra all’ultimo frutto, così anche noi esseri umani che prediligiamo vivere in un Sistema di “non-valori” tra cui il denaro e il tenore di vita non negoziabile, dobbiamo accettare una società dove sangue, terrore e violenza sono compresi nel pacchetto. Non c’è altra soluzione. Tutto è espressione di una “miseria” che ci appartiene.

Se al giorno d’oggi pensiamo agli armamenti dell’ISIS o a quelli schierati dal fronte russo-americano-europeo, o in qualsiasi parte del mondo visto che è pieno di “guerre invisibili”, è logico pensare al fatto che le guerre negli ultimi secoli sono sempre state motivo di guadagno grazie alla compra-vendita e alla produzione stessa di armi. Perché qui, miei cari lettori, nessuno è innocente. È bene ricordare infatti, che qualsiasi contribuente che alimenta questa società è lo stesso contribuente che finanzia le guerre, anche se non è d’accordo, anche se non è lui a deciderle, ma in ogni caso, sono finanziate con i suoi soldi e quelli che “consuma” per il proprio benessere! È questo il modello sociale che chiamiamo evoluto, è questo il modello sociale ed economico che chiamiamo “Primo mondo”. E finché c’è guerra, c’è speranza che possa esistere.

Perché vedete.. Le guerre non le fanno solo i fabbricanti d’armi e i commessi viaggiatori che le vendono, anche le persone come voi le famiglie come la vostra, che vogliono, vogliono e non si accontentano mai: le ville, le macchine, le moto, le feste, il cavallo, gli anellini, i braccialetti, le pellicce e tutti i cazzi che ve se fregano, costano molto! E per procurarseli, qualcuno bisogna depredare, ecco perché si fanno le guerre!Alberto Sordi, nel monologo finale del film “Finché c’è guerra c’è speranza”.

Tragicomico

Libri consigliati **NOVEMBRE 2019**

Lascia un commento!

Articoli che ti potrebbero interessare