Home Circolo Degli IlluminatiAntropologia La Sindrome Del Perfezionismo

La Sindrome Del Perfezionismo

Tragicomico
2k letture

perfezionismoIl perfezionismo è una sindrome molto peculiare, un nemico invisibile che porta spesso molte persone a “non agire”, proprio per la paura di non essere perfetti. Una sindrome che ci viene introiettata dalla società, oppure ereditata per vie genitoriali, o anche dell’edu-castrazione scolastica. Ma il perfezionismo è semplicemente un modello irraggiungibile, inarrivabile, perché l’essere perfetti non fa parte della natura umana: se fossimo perfetti non vivremmo alcun ciclo evolutivo, sia a livello spirituale che a livello psichico. Il problema sorge nel momento in cui ci identifichiamo con il modello perfezionista e cominciamo a controllare ogni nostra azione o pensiero. Qualsiasi nostra espressione fisica, emozionale e sentimentale dev’essere secondo il modello, e quindi se per caso abbiamo anche una semplice e ragionevolissima sbavatura che fuoriesce dai canoni del modello, ci sentiamo malissimo, ci sentiamo braccati e soprattutto ci sentiamo insufficienti.

Viviamo una vera e propria tragedia dell’insufficienza, non abbiamo mai abbastanza soldi, non ci sentiamo mai abbastanza belli, non siamo mai abbastanza tonici, ci sentiamo sempre carenti, distanti da quel modello di perfezionismo che ci viene mentalmente imposto in questa società occidentale.
Il desiderio di migliorare, di fare del bene, è certamente positivo, ma se portato all’esasperazione, diventa del perfezionismo. Allo stesso modo non possiamo trattenerci dall’agire semplicemente perché non sappiamo come una cosa dev’essere fatta in modo perfetto, perché non c’è la cosa perfetta; cambiano le situazioni e quindi bisogna accettare questa regola del pianeta terra, ossia che bisogna provare, correggere, insistere, di nuovo correggere, rivedere il piano, espandere il piano e così via, fa parte delle regole del gioco.

È inutile ricercare la perfezione nelle cose, in noi stessi e negli altri: la perfezione è una dura battaglia che non può essere vinta. Bisogna quindi evitare che piccoli e semplici errori diventino le nostre catastrofi emotive e demoliscono la nostra autostima, allontanandoci sempre di più dalla gioia quotidiana e dalla soddisfazione personale.

Dobbiamo renderci conto delle nostre infinite capacità e potenzialità, che possiamo tranquillamente esprimere senza seguire un modello di perfezionismo. Possiamo immettere tantissimi valori virtuosi in questa società, possiamo fare del bene anche non essendo perfetti, e smettendo di mirare al perfezionismo, miglioriamo la nostra stessa vita e quella di tutte quelle persone che beneficiano delle nostre azioni. Qualora riuscissimo ad abbracciare le nostre imperfezioni ci renderemmo conto che non c’è bisogno di un modello perfetto, ma c’è bisogno semplicemente di essere. Essendo noi stessi, nella nostra unicità e infinita bellezza, saremo perfetti.

La perfezione non esiste, capirla è il trionfo dell’intelligenza umana, desiderarla per possederla è la più pericolosa delle follie.” Alfred de Musset

Amiamo la perfezione, perché non la possiamo avere; la rifiuteremmo, se ce l’avessimo. Il perfetto è il disumano, perché l’umano è imperfetto.” Fernando Pessoa

Le persone perfette non combattono, non mentono, non commettono errori e non esistono.” Aristotele

Tragicomico

Smiley face

Lascia un commento!

Articoli che ti potrebbero interessare