Significato E Simbologia Del Muladhara Chakra O Centro Basale

Tragicomico
4,5K letture

muladhara_chakra_simbologiaIl Muladhara chakra, chiamato anche centro del basso ventre o centro basale, si trova sotto l’osso triangolare chiamato “Sacro” e si tratta del vero centro occulto del corpo umano, secondo quanto viene affermato dalle tradizioni Indo-Tibetane. Il suo nome proviene da Mula (radice) e adhara (supporto); mentre il colore dominante di questo chakra è il cremisi (tonalità di rosso luminosa e chiara che, contenendo alcune componenti di blu, tende lievemente al porpora). Il significato del Muladhara chakra è identificabile nella sua simbologia figurativa, essendo costituito da quattro petali che sono la corrispondenza delle quattro forme di beatitudine.

Come ho già spiegato nell’articolo principale “I Sette Chakra O Centri Di Forza”, ogni chakra è in principio rappresentato come una ruota circondata da un numero fisso di petali, su ognuno dei quali è inscritta una sillaba sanscrita. Nel Muladhara chakra il “mantram” lo si trova nelle lettere che si possono osservare su ogni petalo: VAM, SAM, SHAM, SAM. La radice di questo mantram è la lettera LAM, la quale, per così dire, è seduta su di un elefante (Airavata) che simbolizza le terrestri energie di forza, di fermezza, di equilibrio, di supporto. La radice è chiusa da un quadrato giallo inscritto nel cerchio che rappresenta l’elemento terra.

Al centro del chakra sta un triangolo “femmina”, cioè con il vertice in basso, detto traipura, ove si trova stabilito il lingam “maschio”, che rappresenta il potere creatore di Brahma. Qui Brahma è simbolicamente seduto sul suo veicolo Hamsa (il cigno), mentre nella corda arrotolata intorno al lingam per tre volte e mezza su se stessa, giace la forza serpentina Kundalini, quella che concretizza sottilmente l’energia vitale di tutte le creature umane. È utile ricordare che le Dee residenti nei chakra sono talvolta chiamate le Madri o le Regine, in questo caso, nel Muladhara chakra, è la Devi Dakini, che istruisce il praticante Yoga sulla scienza delle energie proprio del centro stesso. Detto in termini occidentali, il Muladhara chakra si occupa della funzione degli organi genitali e in generale delle attività sessuali e le azioni come l’adulterio, la pornografia e l’attenzione lussuriosa, danneggiano questo chakra.

Infatti l’energia che fa esistere il mondo, cioè Kundalini, riposa assopita in questo chakra, ma può essere ri-svegliata dallo yogi mediante opportuni esercizi e meditazioni. Allora il serpente fluidico Kundalini si tuffa nelle “nadi” di cui tiene chiusa l’apertura e sale, sale, risvegliando a sua volta tutti i chakra che trova al suo passaggio. Tale risveglio può costituire un grave pericolo per il praticante inesperto, per questo motivo bisogna essere guidati da un guru esperto, onde evitare danni irreparabili! Se l’individuo perde il suo equilibrio, in quel caso la sua memoria e la sua saggezza cominciano a mostrare segni di deterioramento, e potrebbero persino presentarsi dei disturbi mentali.

La saggezza dello yogi risiede nel prendere coscienza progressivamente degli stimoli esterni che riceviamo attraverso questo canale, e, mano a mano, nel cercare di sublimare questa energia (kundalini) per cominciare ad elevarla attraverso l’asse centrale dei sette chakra, finché non sarà sufficientemente purificata per essere trasmutata verso la nostra dimensione superiore.

Tragicomico

I MIEI LIBRI PER VOI

 

Nei miei libri troverete spunti di riflessione per esplorare il significato della vostra esistenza.
Affronteremo insieme temi come il tempo, la felicità, l'amore, la libertà, il dolore e la rinascita.
Vi accompagnerò in un percorso introspettivo per riscoprire la vostra vera essenza.
Perché la vita è un dono prezioso e va vissuta con consapevolezza.
Scegliete il libro che risuona in voi e fatevi un regalo.
Buona lettura!

2 commenti

Mari 8 Settembre 2023 - 18:41

E da quasi un anno che pratico dei riti finalizzati a risvegliare i 7 chakra . Speriamo bene!!

Rispondi
Tragicomico 9 Settembre 2023 - 13:50

L’importante è fare il primo passo, poi con la costanza tutto è possibile.

Rispondi

Lascia un commento!

Articoli che ti potrebbero interessare