Home Tavola RotondaSpiritualità Oltre La Materia: L’Universo Non-Locale

Oltre La Materia: L’Universo Non-Locale

Tragicomico
1k letture

oltre-la-materiaCosa c’è oltre la materia? C’è l’universo non-locale, ossia la realtà del regno quantico, del regno sub-atomico, dove non esiste la solidità e tantomeno la percezione dei cinque sensi, non vi è la linearità del tempo e dello spazio e non c’è la prevedibilità della causa e dell’effetto. Per capire meglio cosa può essere l’universo non-locale dobbiamo pensare alla particella subatomica dell’elettrone, in particolare, al suo passaggio dalla sua orbita ad una orbita più elevata. In questo caso, l’elettrone non si muove attraverso lo spazio, ma fa un salto quantico, imprevedibile, sparisce e poi riappare. Dov’è andato in quell’istante? Nell’universo non-locale! Quindi gli elettroni non si muovono secondo quello che noi normalmente consideriamo come “moto”; bensì per andare dal punto A al punto B molto semplicemente un elettrone scompare nel punto A e ricompare nel punto B.

Questa premessa è necessaria per capire come il mondo in cui viviamo non è altro che un sotto-insieme del mondo quantico: in altre parole, ogni cosa visibile, compreso il nostro corpo, è costituito da “informazioni” ed “energia”. Se passiamo ad un livello mentale, quello dei pensieri per intenderci, vediamo come le idee sono sempre informazione ed energia, niente di più e niente di meno. Per approfondire questo concetto, prendiamo in esame l’equazione di Einstein E = mc2 , egli ci dice che l’energia equivale alla materia, alla massa, ossia che la materia vibra a frequenze diverse differenti creando come una gigantesca ragnatela di energia: noi però, non la vediamo come una gigantesca ragnatela di energia semplicemente perché le vibrazioni sono troppo veloci per i nostri sensi ordinari, così registriamo solo blocchi di tale energia, che percepiamo come “scrivania”, “pavimento”, “tastiera” ecc.”. È proprio il caso di dire che abbiamo degli occhi da lumaca, in quanto, per chi non lo sapesse, ad una lumaca occorrono circa tre secondi per percepire la luce 😉 .

Quindi sono i nostri sensi ad illuderci di percepire la solidità di ciò che “pensiamo” di vedere e di toccare, ma in realtà siamo alla prese con delle nubi di elettroni. Sull’argomento vi è una magistrale scena nel film “Matrix” dove Morpheus si rivolge a Neo dicendogli: “Che vuol dire reale? Dammi una definizione di reale. Se ti riferisci a quello che percepiamo, a quello che possiamo odorare, toccare e vedere, quel reale sono semplici segnali elettrici interpretati dal cervello”. Infatti, se avessimo degli occhi, come dire… “quantici”, allora potremmo vedere come ciò che consideriamo solido in realtà oscilla dentro e fuori da un “vuoto infinito” superiore alla velocità della luce.

universo-non-localeMa ricordiamoci che noi stessi siamo energia, non soltanto ciò che vediamo o tocchiamo; quindi dobbiamo immaginarci come immersi in un universo di energia, di cui noi stessi siamo espressioni di energia e informazione. Questa è la consapevolezza da acquisire; non siamo altro che frammenti di energia che fluttuano nell’energia stessa. Ecco cosa c’è oltre la materia: informazione energetica! Dopodiché c’è solo il potenziale puro, cioè l’universo non-locale, fuori dal tempo, non qui, sincronico, oltre la velocità della luce! Noi siamo collegati a questo universo non-locale attraverso la coscienza (se è desta!) che osserva ogni cosa, e dona alle cellule del nostro corpo la consapevolezza che sono collegate fra loro nel regno non-locale, quantico; anche i pensieri come le idee, hanno origine da un universo non-locale.

Con questo possiamo capire come l’intelligenza non-locale è in noi e intorno a noi. Tutto questo ci apre un nuovo modo di vivere, nel quale affidiamo “consapevolmente” le risposte all’universo, all’esistenza, ci “fidiamo” di ciò che siamo e possiamo vivere in una nuova modalità attraverso un non-bisogno di controllo sulle cose.

Voi, io e il resto del mondo siamo tutt’uno. Io sono l’universo localizzato in un singolo individuo, così come voi siete l’universo localizzato nel vostro corpo, intento a leggere queste parole in questo particolare momento dello spazio-tempo. Esistiamo come onde specifiche nel campo dell’intelligenza consapevole. Ogni aspetto del nostro essere è articolato e orchestrato da questa intelligenza non-locale infinita, dal mare immenso della coscienza da cui siamo affiorati voi, io e il mondo. Anche i nostri pensieri, desideri, aspirazioni e sogni non sono tecnicamente i nostri pensieri, i nostri desideri, le nostre aspirazioni e i nostri sogni: sono infatti manifestazioni dell’universo totale. Non appena ci rendiamo conto che le intenzioni e i desideri che abbiamo in noi sono in realtà le intenzioni dell’universo, riusciamo a liberarci dal nostro desiderio di controllo e permettiamo alla meravigliosa esistenza per la quale siamo nati di dischiudersi davanti a noi in tutta la sua magnificenza.Deepak Chopra

Tragicomico

Smiley face

Lascia un commento!

Articoli che ti potrebbero interessare