Home Circolo Degli IlluminatiAntropologia La Pigrizia Mentale: Una Malattia Per La Nostra Anima

La Pigrizia Mentale: Una Malattia Per La Nostra Anima

Tragicomico
4k letture

pigrizia-mentaleLa pigrizia mentale è ciò che offusca lo splendore della nostra anima, è ciò che argina l’evoluzione della nostra coscienza, facendoci perdere l’amore per noi stessi. Gli esseri umani preferiscono adagiarsi, restare insensibili, trascinandosi nell’esistenza come un peso morto. Questi sono i cosiddetti ‘pigri mentali’, coloro che impediscono al proprio Essere di esplorare nuovi territori e nuove frontiere del ragionamento e della conoscenza.

Quante volte nella vostra vita avete detto (o vi è stato detto): “con te non si può ragionare!” , “non c’è modo di fargli cambiare idea!” oppure “sei il solito egoista!”. Ecco, in questi casi, avevate a che fare con un essere umano assorbito dalla propria pigrizia mentale. Persone che non riescono a vedere le cose da angolazioni diverse, imprigionate come sono nelle loro consuetudini mentali.

La pigrizia mentale risulta quindi essere l’incapacità di rimettere in discussione le proprie procedure di ragionamento, e pertanto offre all’individuo l’incrollabile convinzione di essere sull’unica strada percorribile.

Possiamo immaginare la nostra mente come una casa, dove le idee e le convinzioni sono rappresentate da mobili ingombranti e pesanti; sostituire uno di questi mobili per far spazio ad uno nuovo, funzionale e più al passo coi tempi, ci costa un’enorme fatica. Ecco allora che per non far fronte a questa fatica, ci teniamo in casa il vecchio mobile, così ingombrante ed ormai inefficiente.
Un uomo che era tutto tranne che un pigro mentale, affermava: “abbiamo bisogno di un nuovo modo di pensare per risolvere i problemi causati dal vecchio modo di pensare”. Quest’uomo era Albert Einstein.

mente-libera-da-preconcettiMa torniamo alla nostra casa con i suoi vecchi mobili all’interno: Chi ha costruito questi mobili? Chi ha fabbricato le nostre idee e le nostre convinzioni? E’ chiaro che ci sono state inculcate dall’esterno, sono state immesse nella nostra mente già belle e pronte. Da chi? Ma dalla società che ci circonda, dalla famiglia, dalla scuola, dagli spot pubblicitari… Ma è proprio di questo che il pigro mentale non si accorge, e se anche se ne accorgesse, farebbe finta di nulla, anzi obietterebbe con enfasi e a gran voce con chi cerca di mostrargli la realtà da un’angolazione diversa.

Queste persone non ragionano con la loro mente, ma ragionano attraverso i pensieri e le idee altrui, che hanno ascoltato in famiglia, letto sui libri o peggio ancora, appreso attraverso la tv. Costa molta meno fatica ripetere un pensiero ascoltato da qualcun altro, che formularne uno di sana pianta, incondizionato ed originale.
E’ vero che l’abitudine è più confortevole, ma sicuramente è considerata meno avventurosa e stimolante! Riuscire a ragionare con la mente libera da condizionamenti e valutare le cose per quello che realmente sono, farebbe fare all’umanità il tanto atteso salto evolutivo.

Non rinnovare il proprio modo di pensare, è come costringere l’acqua fresca e pulita che scorre dai monti, a rimanere bloccata in una buca; diventerà pozzanghera, non più bevibile e fonte di malattia.
La pigrizia mentale diventa così una malattia per la nostra anima, reputerà come scomodo tutto ciò che viene a disturbare le nostre abitudini mentali. Una malattia così radicata che occorrerà un grosso sforzo e una grande determinazione per poter guarire, bisognerà saper accettare le nuove idee che ci verranno proposte come una possibilità di ampliamento del nostro conoscere.

Tutto questo aiuterà a diventare più consapevoli che il cuore non ha nulla da guadagnare se lo torturiamo nella noia e nell’apatia. E con questa consapevolezza sorgerà spontaneo il desiderio di tornare all’azione per poter nuovamente sperimentare le gioie, le passioni e gli entusiasmi che tanto ci rendevano felici quand’eravamo bambini.

“Ribellatevi! Non affogatevi nella pigrizia mentale, guardatevi attorno… osate cambiare, cercate nuove strade.” dal film “L’attimo fuggente”.

Tragicomico

Smiley face

Lascia un commento!

Articoli che ti potrebbero interessare