Perché “tragicomico” ?

Perchè “tragicomico”? Bella tragicomicodomanda… ma la risposta non è altrettanto semplice.
Tragicomico è un termine molto particolare, viene usato per definire un insieme di aspetti comici e tragici che hanno carattere di tragicommedia. Ma io voglio andare oltre, o meglio, voglio vedere oltre, anche delle parole stesse.
Tragicomico non è soltanto l’unione del tragico e del comico, bensì è il riuscire a vedere un aspetto tragico in ciò che può apparire comico, e viceversa. Sì, proprio così, andiamo oltre l’apparenza. Perché in fondo, cos’è l’apparenza se non una percezione che spesso e volentieri è in contrapposizione con realtà e verità? Come nel racconto “La Vecchia Imbellettata” di Pirandello, il saper vedere oltre permette di decifrare una situazione apparentemente comica, ma che in realtà nasconde un dramma penoso, l’autoinganno della giovinezza eterna.

Quando cominciai a scrivere, nell’ottobre 2013, mi dissi chiaramente che sotto la superficie della vita a noi conosciuta c’è qualcosa di molto più grande e importante. E l’idea principale di questo blog verte sul fatto che noi non usiamo nemmeno una piccola parte della conoscenza e del suo potere nelle nostre forze. Abbiamo in noi per così dire, un’organizzazione grandissima ed efficientissima, ma non sappiamo usarla. Immaginate che ognuno di noi abbia una grande casa, lussuosa, piena di magnifici mobili, biblioteche e tante altre stanze piene di vita e conoscenza. Ma noi preferiamo vivere nel seminterrato di questa casa, chiusi nella cucina, e se qualcuno ci dice ciò che questa casa ha nelle altre stanze, noi non gli crediamo, o ne ridiamo, o chiamiamo le sue parole superstizione, fantasia, immaginazione. Questa è la tragicommedia in atto.

L’evoluzione dell’uomo, quando avviene, può essere soltanto il risultato di conoscenza e sforzo; finché l’uomo sa soltanto ciò che può sapere in maniera ordinaria, comune, per lui non c’è alcuna evoluzione. E per iniziare un processo di evoluzione, si può cominciare solo da se stessi, attraverso lo studio di noi stessi. Se iniziate a studiarvi vi imbatterete prima di tutto in una parola che usate più di ogni altra: la parola “io”. Le persone affermano in continuazione “io sto facendo”, “io penso”, “io sto parlando”, “io amo” e così di seguito. Questa è la nostra principale illusione, in quanto il maggior errore che facciamo a riguardo di noi stessi è quello di considerarci uno quando in realtà non lo siamo. Parliamo di noi stessi come “io”, e supponiamo di riferirci sempre alla stessa persona, mentre in realtà siamo divisi in centinaia di altri “io” differenti (anche qui quel genio di Pirandello ha tanto da insegnare!). Quindi, immaginate al vostro interno tanti “io” differenti, collegati ai vostri sentimenti e desideri, i quali non hanno un solo ed unico “io” che li controlla. Questi “io” cambiano continuamente, uno soffoca l’altro, uno rimpiazza l’altro, e tutta questa lotta forma la nostra vita interiore. Riuscite a percepire il lato tragicomico di questa situazione paradossale?

Attraverso questo Blog cercherò di lanciare un messaggio preciso ai miei lettori: proviamo a vedere (e non a guardare, c’è differenza!) oltre le apparenze, i luoghi comuni e tutte quelle convinzioni che ci sono state propinate sin dalla tenera età. Trasformiamoci in “cercatori di verità“, risvegliamo le nostre coscienze e iniziamo ad usare gli occhi del cuore, non quelli della mente. La mente è falsa, lenta, duale, crea un mondo totalmente illusorio e ragiona in base a come è stata “programmata” quando eravamo poco più che bambini. L’apertura del cuore, invece, ci permette di raffinare ciò che è superiore all’istinto e all’intelligenza, ovvero, l’intuizione. Bisogna saper “ascoltare il cuore” perché tutto ciò che ci serve conoscere, è già dentro di noi.
È grazie all’intuizione che riusciamo ad unire l’immediatezza e la concretezza dell’istinto con la consapevolezza dell’intelligenza, e ci permette così di cogliere la realtà nella sua totalità.

Gli argomenti trattati su tragicomico.it saranno vari e validi, darò una bella rispolverata alla Spiritualità, ormai profanata di tutti i suoi valori reali, messa al bando in occidente a favore della religione cattolica. L’Uomo è un’essenza spirituale, ma al giorno d’oggi, non tiene minimamente conto della propria anima umana. Viviamo sereni e rilassati nella nostra ignoranza, credendo di essere dei sacchi di carne vuoti che si trovano qui per caso.
Non tralascio di certo l’Esoterismo, un termine anch’esso trafugato, tant’è che la gente associa a questa parola un significato “deviato”. L’Esoterismo invece, racchiude in sé le tre scienze sacre del passato: Alchimia, Magia e Astrologia. Sono discipline che, laddove correttamente applicate, trasformano l’individuo in qualcosa di superiore, si passa da un’energia pesante, materiale, ai cosiddetti corpi sottili. Cercherò di tenere anche una finestra aperta sull’Attualità e sulla Politica. Vivo in una nazione che sta da una parte vivendo una vera e propria tragicommedia, ma dall’altra esiste un movimento di artisti animici che con le loro opere “lavorano” sulle coscienze delle persone, per aiutarle nel risveglio e nel loro accesso alla verità oltre l’illusione.
Proverò a scardinare le blindature fatte di vecchi modi di pensare, di ragionare, introducendo nuove e nobili intuizioni nell’atmosfera anche attraverso la Filosofia, ovvero l’amore per la sapienza, e l’Antropologia, attraverso uno studio dell’uomo moderno, delle sue caratteristiche e del suo comportamento in ambito sociale. Nella categoria Anticattolicesimo cercherò si smascherare la religione cattolica ed i vertici ecclesiastici, affinche l’uomo possa rendersi conto di cosa sia il vero Cristianesimo e in quali falsi moralismi è invischiata la fede cattolica. Il sistema Matrix sarà dedicato a tutte qulle illusioni nelle quali ci troviamo immersi, noi pensiamo di vivere in un mondo reale, che esiste, tangibile, ma la verità è che questo è soltanto il mondo che ci è stato messo davanti agli occhi per nasconderci la verità, ovvero che siamo dei prodotti del  Condizionamento Collettivo Culturale.

Pertanto questo blog non è altro che il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di verità e di risposte; e qui dentro troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Perché da sempre intuivo qualcosa che non riuscivo a spiegarmi, quel qualcosa che non quadra nel mondo, e questa sensazione mi ha portato e mi porta tutt’ora, alla ricerca della verità, quella pura e sacra. Se iniziamo ad avere occhi per vedere, presto riusciremo a vedere oltre quel velo fatto di illusioni, per uscire da questa matrix che ci è stata messa davanti ai nostri occhi, affinchè si diffonda il fuoco sacro della verità e s’avvicini l’Alba della Grande Luce. Un Risveglio globale, su larga scala.

“Non potete vivere protetti senza mai esporvi ed essere allo stesso tempo degli avventurieri della spiritualità. Siate audaci. Siate folli alla vostra maniera, folli di quella follia che è tale agli occhi degli uomini ma è saggezza agli occhi del Creatore. Sappiate correre dei rischi, cercate, cercate ancora, cercate ovunque, cercate in tutti i modi, non lasciatevi sfuggire alcuna occasione, alcuna possibilità che il destino vi offre, e non siate spilorci e meschini nel tirare sul prezzo.”  Arnaud Desjardins

Tragicomico c’è. Buona “ricerca” a tutti!

Tragicomico

Commenti

  1. matteo ha detto:

    buona avventura….stay tuned!